Maggio 2019

Giusto un anno fa in questo periodo avevamo avuto modo di commentare la reazione dei mercati alla formazione del nuovo governo italiano: rendimenti dei titoli di stato in salita così come la volatilità dei mercati azionari, in particolare su quello italiano. Dopo 12 mesi, maggio torna, suo malgrado, protagonista con i listini in forte flessione dopo una prima parte dell’anno in decisa ripresa.

Mese negativo, quindi, per le asset class azionarie dei principali Paesi; i ribassi seguono di pari passo l’incertezza che sta minando le relazioni commerciali tra USA e il resto del mondo. La platea degli “osservati speciali” si sta ampliando includendo anche Europa e Messico. L’arma dei dazi viene usata nel primo caso per limitare la concorrenza con i marchi interni nel settore “automotive” (componenti per le vetture stradali e industriali); nel secondo caso per incentivare il Messico in un maggior impegno nella gestione dei flussi migratori verso gli Stati Uniti. L’effetto negativo indesiderato si è intravisto proprio sui risultati delle aziende statunitensi che, già a partire dal settore hi-tech, risentono dell’aumento dei dazi nell’importazione delle merci soprattutto dall’oriente.

Al contrario nel vecchio continente, i risultati delle elezioni europee hanno confermato le attese della vigilia e non hanno portato a una sostanziale modifica della composizione del Parlamento Europeo. La preoccupazione sull’Europa continua a riguardare le dinamiche italiane sul deficit e l’evoluzione del negoziato su Brexit: le dimissioni del primo ministro inglese hanno riportato a galla la possibilità della così detta hard brexit.

Lo scenario dei prossimi mesi rimane nebuloso e legato ai dati macroeconomici relativi l’andamento dell’economia nel 2019: infatti la futura strategia di politica monetaria di FED e BCE dipenderanno dalla capacità di ripresa della crescita globale; gli operatori sono in attesa di capire quali saranno le future mosse.

Vediamo ora l’andamento dei comparti di FonDemain:

DINAMICO: +6,06 % da inizio anno (benchmark +5,88%), la flessione rispetto ad aprile di -1,72% è dovuta alla particolare esposizione del comparto alle dinamiche dei listini azionari, soprattutto con riferimento alle aree geografiche del nord America e Asia; nonostante ciò il rendimento da inizio anno resta in area decisamente positiva.

PRUDENTE: il rendimento maturato dal Prudente da inizio anno si attesta a +4,52% (benchmark +4,42%), leggero ribasso del -0,61% nel mese dopo un inatteso ed estremamente positivo rialzo da inizio anno. L’esposizione seppur contenuta ai titoli azionari ha influito sul rendimento negativo del comparto; gli investimenti obbligazionari non sono riusciti ad avere la stessa funzione “cuscinetto” rispetto al passato data la situazione di tassi bassi che perdura.

GARANTITO TFR: maggio con il segno meno anche per il Garantito che chiude a -0,27%, portando il rendimento da inizio anno a +0,91% (benchmark +0,85%). La performance complessiva, seppur inferiore al livello dagli altri comparti, permette agli iscritti di beneficiare di
un rendimento aggiuntivo rispetto all’obiettivo di una complessiva protezione del capitale che caratterizza il comparto.

 

FONDEMAIN C.F. - 91037010070